Gastroenterologia.net
Mediexplorer
Ematologia.net

La malattia di Alzheimer preclinica prevede un calo della memoria e delle funzioni esecutive nei disturbi soggettivi


Si è valutato se la malattia preclinica di Alzheimer sulla base di biomarcatori nel liquido cerebrospinale ( CSF ) al basale possa predire il declino delle funzioni cognitive come misurato da test neuropsicologici ripetuti per 4 domini cognitivi nei pazienti con disturbi soggettivi.

Sono stati inclusi 132 pazienti con disturbi soggettivi della memoria della Amsterdam Dementia Cohort, che avevano subito la puntura lombare e ripetute valutazioni neuropsicologiche.

Il follow-up è stato di 2 anni, in media.

I biomarcatori nel liquido cerebrospinale, beta-amiloide ( A-beta42 ), tau totale ( Tau ) e tau iperfosforilata 181, sono stati utilizzati per definire le fasi precliniche della malattia di Alzheimer in base al National Institute on Aging-Alzheimer Association ( NIA-AA ).

È stato valutato il valore predittivo degli stadi preclinici della malattia di Alzheimer come definito dai biomarcatori nel liquido cerebrospinale, da singoli biomarcatori e dal rapporto A-beta42/tau.

Le misure di esito erano punteggi composti per memoria, attenzione, funzioni esecutive, linguaggio e capacità cognitiva globale.

I pazienti avevano in media 61 anni; 56 ( 42% ) erano donne.

Il punteggio medio basale al Mini-Mental State Examination è stato pari a 28.3.

I pazienti che soddisfacevano i criteri per la malattia di Alzheimer preclinica ( fase 1: n=11 + fase 2: n=10 ) hanno mostrato un declino nel corso del tempo della memoria ( beta ± SE -0.41 ± 0.14, P minore di 0.01 ), delle funzioni esecutive ( -0.21 ± 0.08, P minore di 0.01 ) e della cognizione globale ( -0.29 ± 0.10, P minore di 0.01 ).

Non ci sono state differenze nel declino cognitivo tra le fasi precliniche 1 e 2 della malattia di Alzheimer secondo NIA-AA.

Nei pazienti con biomarcatori nel liquido cerebrospinale normali, è stato osservato un miglioramento della memoria ( 0.19, P minore di 0.01 ) e prestazioni stabili in tutti gli altri domini.

In conclusione, le prove fornite dal liquido cerebrospinale di malattia di Alzheimer preclinica in pazienti con disturbi soggettivi hanno previsto il declino cognitivo nel tempo, che ha compreso più aspetti rispetto alla sola memoria.
Anche il funzionamento esecutivo e cognitivo globale sono peggiorati.
D'altra parte, la prognosi a 2 anni per i pazienti senza evidenza di fisiopatologia della malattia di Alzheimer è stata buona. ( Xagena2013 )

van Harten AC et al, Neurology 2013; 81: 16; 1409-1416

Neuro2013



Indietro