XVII Congresso Nazionale SIRN
Tumori testa-collo
XXIII World Congress of Neurology
Amsterdam congress

Ricercatori francesi hanno compiuto una revisione delle reazioni avverse cardiovascolari con la Memantina ( Axura, Ebixa, Namenda ), riportate nel French Pharmacovigilance Database.Dopo l’esclus ...


Precedenti studi hanno mostrato che la dieta mediterranea è associata ad un rischio inferiore di insorgenza di malattia di Alzheimer.Non è stato, tuttavia, chiarito se la dieta mediterra ...


Il NICE ( National Institute for Clinical Excellence ) ha presentato una guida sull’impiego del Donepezil ( Aricept ), Galantamina ( Reminyl ), Rivastigmina ( Exelon ) e Memantina ( Namenda / Eb ...


La relazione tra diabete mellito e lo sviluppo di Alzheimer non è ben definita. Uno studio ha confrontato il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer nei soggetti con o senza diabete mell ...


L’acido docosaesaenoico ( DHA ) è un acido grasso presente in abbondanza nel cervello. Nella dieta, il DHA si trova principalmente nel pesce grasso. E’ stato evidenziato che nei paz ...


Studi epidemiologici e sperimentali ( su animali ) hanno indicato che una dieta a base di pesce o di olio di pesce ricco di acidi grassi omega-3 ( Acido Docosaesaenoico, DHA, e Acido Eicosapentaenoico ...


Precedenti ricerche sulla malattia di Alzheimer avevano focalizzato l’attenzione sui componenti della dieta. C’è evidenza, ad esempio, che la dieta mediterranea sia associata ad un ...


I soggetti sani che sono a rischio di malattia di Alzheimer presentano una ridotta attività nella regione dell’ippocampo quando eseguono processi correlati alla formazione di nuova memori ...


Studi su gemelli hanno mostrato un’alta ereditabilità per la malattia di Alzheimer. Uno studio coordinato da Ricercatori dell’University of Southern California di Los Angeles hanno ...


La malattia di Alzheimer è caratterizzata da formazione di placche e tangle ( grovigli ), soprattutto nei lobi temporali e nell’ippocampo. Sebbene ci sia un’aumentata evidenza che l ...


Ricercatori del Columbia University Medical Center hanno valutato se la presenza di segni motori avesse un valore predittivo di importanti outcome ( esiti ) nella malattia di Alzheimer. Sono stati arr ...


Ricercatori del MassGeneral Institute for Neurodegenerative Disease, a Charleston hanno studiato il gene UBQLN1, con l’obiettivo di verificare una relazione con la malattia di Alzheimer.Sono sta ...


La neurodegenerazione che si presenta nella malattia di Alzheimer è associata a diversi cambiamenti istopatologici, molecolari e biochimici, tra cui perdita cellulare, un’abbondante retic ...


Alcuni studi, ma non tutti, hanno indicato che la terapia ormonale sostitutiva ha un effetto benefico nelle donne in post-menopausa riguardo all’aspetto cognitivo.La densità minerale osse ...


Ricercatori dell’University of Oxford and Radcliffe Infirmary, Gran Bretagna, hanno condotto uno studio per accertare un possibile collegamento tra i livelli di TSH ( ormone tireostimolante ), i ...