Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Stimoli cognitivi e rischio di malattia di Alzheimer


La frequente partecipazione ad attività cognitive stimolanti è ritenuta ridurre il rischio di insorgenza di malattia di Alzheimer, ma mancano al riguardo dati prospettici.
L’obiettivo dello studio è stato quello di verificare l’ipotesi che la frequente partecipazione ad attività cognitive stimolanti risulti associata ad un ridotto rischio di malattia di Alzheimer.
Hanno preso parte allo studio 801 suore e preti cattolici negli Usa, che non mostravano demenza al momento dell’arruolamento.

I punteggi al basale sulla misurazione dell’attività cognitiva, variava da 1,57 a 4,71 (media: 3,57; SD: 0,55), dove gli alti punteggi stavano ad indicare attività più frequente.
Durante il periodo medio di follow-up di 4,5 anni, 111 persone hanno sviluppato la malattia di Alzheimer.

Nel modello adottato ( proportional hazards model ) l’aumento di 1 punto corrispondeva ad una riduzione del 33% del rischio della malattia di Alzheimer (hazard ratio: 0,67; 95% CI, 0,49-0,92).

Il dato dimostra che la frequente partecipazione ad attività cognitive stimolanti è associato ad un basso rischio di insorgenza della malattia di Alzheimer.

Wilson RS et al, JAMA 2002; 287: 742-748

( Xagena 2002 )


Indietro