Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology
XVII Congresso Nazionale SIRN

Fattore di crescita insulino-simile 1 e rischio di demenza da Alzheimer e atrofia cerebrale


È stata valutata la relazione tra il fattore di crescita insulino-simile 1 ( IGF-1 ) nel siero, il rischio di demenza da malattia di Alzheimer e il volume del cervello in una comunità di persone, libere da demenza, di mezza età e di età più avanzata.

I partecipanti alo studio Framingham provenienti dalla generazione 1, senza demenza ( n=789, età media 79 anni, 64% donne ) e dalla generazione 2 ( n=2.793, età media 61 anni di età, 55% donne; totale=3.582, età media 65 anni, 57% donne ) hanno subito misurazioni dei livelli sierici di IGF-1, misurati, rispettivamente, nei periodi 1990-1994 e 1998-2001, e sono stati seguiti prospetticamente per demenza incidente e demenza da malattia di Alzheimer.

Sono state effettuate scansioni di risonanza magnetica del cervello nei sopravvissuti a ictus senza demenza nella generazione 1 ( n=186 ) e nella generazione 2 ( n=1.867 ) durante il periodo 1999-2005.

IGF-1 basale è stato correlato al rischio di demenza incidente utilizzando modelli di Cox e ai volumi cerebrale totale e dell'ippocampo utilizzando la regressione lineare in modelli multivariati aggiustati per età, sesso, APOE epsilon4, omocisteinemia, rapporto vita-fianchi e attività fisica.

I livelli medi di IGF-1 erano 144 mcg/l nella generazione 1 e 114 mcg/l nella generazione 2.

Sono stati osservati 279 casi di demenza incidente ( 230 casi di demenza da malattia di Alzheimer ) nel corso di un follow-up medio di 7.4. anni.

Le persone con IGF-1 nel quartile più basso hanno presentato un rischio di demenza da malattia di Alzheimer maggiore del 51% ( hazard ratio, HR=1.51; P=0.004 ).

Tra le persone senza demenza, i livelli più elevati di IGF-1 erano associati a maggiori volumi totali cerebrali ( incremento beta/SD in IGF-1 è stato pari a 0.55, P=0.025 e 0.26, P minore di 0.001, per le generazioni 1 e 2, rispettivamente ).

In conclusione, più bassi livelli sierici di IGF-1 sono risultati associati a un aumentato rischio di sviluppare demenza da malattia di Alzheimer, mentre livelli più alti erano associati a maggiori volumi cerebrali anche tra i residenti in case di cura di mezza età liberi da ictus e demenza.
Livelli più elevati di IGF-1 possono proteggere dalla neurodegenerazione subclinica e clinica. ( Xagena2014 )

Westwood AJ et al, Neurology 2014; 82:1613-1619

Neuro2014 Endo2014



Indietro