Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Alti livelli di testosterone libero sono inversamente proporzionali ai rischi di malattia di Alzheimer in uomini anziani


Ricercatori statunitensi , coordinati dal National Institute on Aging , hanno verificato la relazione tra la riduzione associata all’età del testosterone endogeno plasmatico totale e nell’indice di testosterone libero nell’uomo , ed il conseguente sviluppo della malattia di Alzheimer.

I partecipanti allo studio prospettico appartenevano al Baltimore Longitudinal Study of Aging , ed avevano al basale un’età compresa tra i 32 e gli 87 anni. < br> All’ingresso tutti i partecipanti non presentavano la malattia di Alzheimer.

Un totale di 574 pazienti sono stati monitorati più volte per un periodo medio di 19.1 anni.

L’insorgenza della malattia di Alzheimer è risultata inversamente associata all’indice di testosterone libero.

All’aumentare dell’indice di testosterone libero si osservava una diminuzione del rischio di Alzheimer ( hazard ratio, HR= 0.74 ).
Un incremento dell’indice di testosterone libero di 10 nmol/nmol comportava una riduzione del 26% del rischio di malattia.

Gli uomini che hanno successivamente sviluppato la malattia di Alzheimer presentavano concentrazioni di testosterone libero più basse , anche prima della diagnosi.

Ricerche future potranno determinare se livelli più alti di testosterone libero siano in grado di conferirire una protezione dalla malattia di Alzheimer negli uomini anziani.( Xagena2004 )

Moffat S D et al, Neurology 2004;62:188-193


Neuro2004


Indietro