Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto del Citalopram sulla agitazione nella malattia di Alzheimer


L’agitazione è comune, persistente e associata a conseguenze negative nei pazienti con malattia di Alzheimer. Le opzioni di trattamento farmacologico, compresi gli antipsicotici, non sono soddisfacenti.

È stata valutata l'efficacia di Citalopram ( Seropram ) per l'agitazione nei pazienti con malattia di Alzheimer.
Gli obiettivi secondari esaminati sono stati gli effetti di Citalopram su funzione, carico di lavoro delle persone predisposte alla cura del paziente, sicurezza, sicurezza cognitiva e tollerabilità.

Lo studio CitAD ( Citalopram for Agitation in Alzheimer Disease ) era uno studio randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, a gruppi paralleli che ha arruolato 186 pazienti con probabile malattia di Alzheimer e agitazione clinicamente significativa da 8 Centri accademici negli Stati Uniti e in Canada nel periodo 2009-2013.

I partecipanti ( n=186 ) sono stati randomizzati a ricevere un intervento di tipo psicosociale più Citalopram ( n=94 ) oppure placebo ( n=92 ) per 9 settimane.
Il dosaggio è iniziato a 10 mg al giorno con una titolazione prevista di 30 mg al giorno per 3 settimane in base alla risposta e alla tollerabilità.

Le misure di esito primarie si sono basate sui punteggi della sottoscala di agitazione della Neurobehavioral Rating Scale in 18 punti ( NBRS-A ) e sulla Alzheimer Disease Cooperative Study - Clinical Global Impression of Change modificata ( mADCS-CGIC ).
Altri esiti si sono basati sui punteggi Cohen-Mansfield Agitation Inventory ( CMAI ) e Neuropsychiatric Inventory ( NPI ), sulla capacità di completare le attività della vita quotidiana ( ADL ), sul carico di lavoro delle persone predisposte alla cura del paziente, sulla sicurezza cognitiva basata sui punteggi al Mini Mental State Examination in 30 punti ( MMSE ) e sugli eventi avversi.

I partecipanti che hanno ricevuto Citalopram hanno mostrato un miglioramento significativo rispetto a quelli che avevano ricevuto il placebo su entrambe le misure di esito primarie.
La differenza stimata di trattamento secondo NBRS-A alla settimana 9 ( Citalopram meno placebo ) è stata -0.93, P=0.04.

I risultati di mADCS-CGIC hanno dimostrato che il 40% dei partecipanti che ha assunto Citalopram ha avuto un miglioramento moderato o marcato dal basale rispetto al 26% dei soggetti che hanno ricevuto il placebo, con un effetto stimato del trattamento ( odds ratio [ OR ] di avere risultati alla pari o migliori di una determinata categoria CGIC ) di 2.13 ( P=0.01 ).

I partecipanti che hanno ricevuto Citalopram hanno mostrato un miglioramento significativo ai punteggi CMAI, NPI totale e nel carico di lavoro delle persone predisposte alla cura del paziente, ma non alla sottoscala di agitazione NPI, ADL, o per un minore uso di salvataggio di Lorazepam.

Nel gruppo Citalopram sono stati osservati un peggioramento della funzione cognitiva ( -1.05 punti, P=0.03 ) e un prolungamento dell'intervallo QT ( 18.1 ms, P=0.01 ).

In conclusione, tra i pazienti con probabile malattia di Alzheimer e agitazione che hanno ricevuto un intervento psicosociale, l'aggiunta di Citalopram, rispetto al placebo, ha ridotto significativamente l'agitazione e le difficoltà delle persone che assistono il paziente; tuttavia, gli effetti avversi cognitivi e cardiaci di Citalopram possono limitarne l'applicazione pratica alla dose di 30 mg al giorno. ( Xagena2014 )

Porsteinsson AP et al, JAMA 2014; 311: 682-691

Psyche2014 Neuro2014 Farma2014


Indietro