Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Farmaci antipsicotici atipici nei pazienti con malattia di Alzheimer


I farmaci antipsicotici atipici di seconda generazione sono ampiamente utilizzati nel trattamento della psicosi, dell’aggressività e dell’agitazione nei pazienti con malattia di Alzheimer.
Tuttavia, il ruolo di questi farmaci e la loro sicurezza non sono ben definiti.

I Ricercatori dello studio CATIE-AD hanno valutato l’efficacia dei farmaci antipsicotici atipici nei pazienti ambulatoriali con malattia di Alzheimer.

Lo studio ha interessato 421 pazienti con malattia di Alzheimer ed affetti da psicosi, aggressività o agitazione.
Questi pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Olanzapina ( Zyprexa; dose media: 5.5mg/die ), Quetiapina ( Seroquel; dose media: 56.5mg/die ), Risperidone ( Risperdal; 1mg/die ), oppure placebo.
I dosaggi sono stati aggiustati in base alla necessità ed i pazienti sono stati seguiti fino a 36 settimane.

Gli end point principali erano:

- periodo di tempo dal trattamento iniziale all’interruzione del trattamento per qualsiasi motivo;

- numero di pazienti con almeno un minimo miglioramento alla scala CGIC ( Clinical Global Impression of Change ) a 12 settimane.

Non sono emerse significative differenze tra le terapie riguardo al periodo di tempo all’interruzione del trattamento per qualsiasi motivo: Olanzapina ( mediano, 8.1 settimane ), placebo ( mediano, 8 settimane ), Risperidone ( mediano, 7.4 settimane ) e Quetiapina ( mediano, 5.3 settimane ).

Il tempo mediano all’interruzione del trattamento a causa della mancanza di efficacia è stato di 26.7 settimane con Risperidone, 22.1 settimane per Olanzapina, , 9.1 settimane con Quetiapina e 9 settimane con placebo ( p = 0.002 ).

Il tempo mediano all’interruzione del trattamento a causa degli effetti indesiderati o dell’intollerabilità ha favorito i pazienti trattati con placebo.
Il 24% dei pazienti trattati con Olanzapina, il 18% dei pazienti che hanno ricevuto Risperidone, il 16% dei pazienti che hanno assunto Quetiapina ed il 5% dei pazienti trattati con placebo hanno interrotto il trattamento a causa della scarsa tollerabilità ( p = 0.009 ).

Nessuna significativa differenza è stata osservata tra i gruppi riguardo al miglioramento alla scala CGIC.
Un miglioramento è stato osservato nel 32% dei pazienti assegnati all’Olanzapina, nel 29% dei pazienti trattati con Risperidone, nel 26% dei pazienti che hanno assunto Quetiapina e nel 21% dei pazienti assegnati al placebo ( p = 0.22 ).

L’efficacia dei farmaci antipsicotici nel trattamento della psicosi, dell’aggressività o dell’agitazione nei pazienti con malattia di Alzheimer è controbilanciata dagli effetti indesiderati. ( Xagena2006 )

Schneider LS et al, N Engl J Med 2006; 355: 1525-1538


Neuro2006 Psyche2006 Farma2006 




Indietro