Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Malattia di Alzheimer lieve-moderata: inefficacia della supplementazione con Acido Docosaesaenoico nel ridurre il declino cognitivo


L'Acido Docosaesaenoico ( DHA ) è l'acido grasso polinsaturo a lunga catena più abbondante nel cervello.
Studi epidemiologici hanno suggerito che il consumo di DHA è associato ad una ridotta incidenza di malattia di Alzheimer.
Gli studi su animali hanno dimostrato che l'assunzione orale di DHA riduce nel cervello le patologie Alzheimer-simili.

È stata svolta una sperimentazione per determinare se la supplementazione con DHA rallenti il declino cognitivo e funzionale in soggetti con malattia di Alzheimer.
Lo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, sulla supplementazione di DHA in soggetti con grado lieve o moderato della malattia di Alzheimer ( punteggi Mini-Mental State Examination, 14-26 ) è stato condotto negli Stati Uniti nel periodo 2007-2009 in 51 Centri clinici di ricerca dell’Alzheimer's Disease Cooperative Study.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale all'assunzione di DHA algale alla dose di 2 g/die oppure placebo a dose identica ( 60% sono stati assegnati a DHA e il 40% sono stati assegnati a placebo ).

La durata del trattamento è stata di 18 mesi.

Sono stati valutati il cambiamento nella sottoscala cognitiva della scala ADAS-Cog ( Alzheimer's Disease Assessment Scale ) e nella scala CDR-SOB ( Clinical Dementia Rating Scale Sum of Boxes ).
Il tasso di atrofia cerebrale è stato anche determinato dalla MRI volumetrica in un sottocampione di partecipanti ( n=102 ).

Sono stati randomizzati in totale 402 individui, di cui 295 hanno completato lo studio con l'assunzione del farmaco in esame ( DHA: 171; placebo: 124 ).

La supplementazione con DHA non ha portato a un miglioramento del punteggio ADAS-cog, con un aumento medio di 7.98 punti per il gruppo DHA durante i 18 mesi rispetto a 8.27 punti per il gruppo placebo ( modello lineare misto: p=0.41 ).
La CDR-SOB è aumentata di 2.87 punti per il gruppo DHA durante i 18 mesi rispetto ai 2.93 punti per il gruppo placebo ( modello lineare misto: p=0.68 ).

Nella sottopopolazione di partecipanti ( DHA: 53; placebo: 49 ) la percentuale di atrofia cerebrale non è stata influenzata dal trattamento con DHA.
Gli individui del gruppo DHA hanno presentato una riduzione media del volume cerebrale totale di 24.7 cm³ durante i 18 mesi e una riduzione di volume dell’1.32% per anno, rispetto ai 24.0 cm³ per il gruppo placebo per i 18 mesi e dell’1.29% per anno ( p=0.79 ).

In conclusione la supplementazione con DHA rispetto al placebo non ha rallentato il tasso di declino cognitivo e funzionale nei pazienti con grado lieve o moderato di malattia di Alzheimer. ( Xagena2010 )

Quinn JF et al, JAMA 2010; 304: 1903-1911


Neuro2010 Farma2010


Indietro